SMS – Santa Maria della Scala

Il giorno 13 Dicembre, a partire dalle ore 11 fino alle ore 21, sms santa maria della scala ospiterà l’inaugurazione delle nuove mostre di sms contemporanea e sms museo d’arte per bambini, più un imperdibile concerto del quintetto a fiati del Berliner Philharmoniker.

ORE 11.00

sms museo d’arte per bambini
Svjetlan Junakovic

Ritratti famosi di comuni animali
13.12.2008 – 15.01.2009

Il 13 dicembre il museo d’arte per bambini inaugura, nella sezione ritratti della Collezione fra il permanente e l’impermanente aperta il 18 Ottobre, la mostra delle opere di Svjetlan Junakovic tratte dal libro Ritratti famosi di comuni animali.
I ritratti che Svjetlan Junakovic propone derivano tutti da esempi importanti della storia dell’arte italiana, fiamminga, francese.
Prendendo ispirazione dalle immagini originali, Junakovic si appropria di quella immagine, la manipola, la stravolge ma lascia, paradossalmente, tutto così com’è. Entrano quindi in scena gli animali al posto di re e regine, sovrani e mercanti, nobildonne e medici.
Proprio gli animali si rivestono dei panni di figure immortalate e rese celebri dalla mano di pittori famosi, che l’artista seleziona sulla base di vistosi difetti fisici o semplici caratteristiche fisionomiche.
Con un gustosissimo gioco-scambio-sostituzione delle parti, modifica quelle iconografie ben note, personaggi famosi resi celebri dai ritratti di grandi artisti del passato. Junakovic propone una rilettura del modello originario intervenendo con spirito arguto per offrire allo spettatore una composizione rinnovata. Proprio il modello costituisce una preziosa occasione per una divertita e quanto mai irriverente “intrusione” nell’originale.
Sono citate puntualmente opere di Piero della Francesca, Pollaiolo, Leonardo, Tiziano, Van Dyck, Veermer, Rembrandt, La Tour, Ingres, David e molti altri.
Tutte queste caratteristiche rendono le opere particolarmente adatte ai bambini, che rimangono affascinati dalla presenza degli animali ritratti nelle illustrazioni e sono allo stesso tempo stimolati a conoscere l’originale che ha ispirato l’illustrazione.

ORE 18.00

sms contemporanea
Cyprien Gaillard
13.12.2008 – 01.03.2009
a cura di Lorenzo Fusi

sms contemporanea, centro di arte contemporanea del complesso museale di Santa Maria della Scala di Siena, è lieto di annunciare la prima personale in Italia del giovane artista francese Cyprien Gaillard (Parigi, 1980).
Gaillard incarna un nuovo attivismo nella pratica artistica contemporanea, schierandosi in prima linea di fronte al crollo dell’utopia dell’architettura e dell’urbanistica di tipo sociale.
Viaggiatore instancabile e curioso, Cyprien Gaillard spazia fra linguaggi diversi (dalla performance al video, dalla scultura al disegno, dalla fotografia all’installazione) per commentare il disfacimento del sistema del social-housing, dei miti intellettuali e degli strumenti adottati dalla politica per affrontare il ‘problema casa’ nelle grandi città e nelle periferie.
Cresciuto negli anni del crollo del muro di Berlino e dello smantellamento delle idee comuniste incarnate dai paesi dell’Est, Gaillard sembra assorbire il collasso di quegli ideali e appare quasi costretto ad affrontare il vuoto lasciato da quella eredità fatta di aspettative disattese.
Allo stesso tempo, l’artista pone attenzione alla brutalità con cui l’architettura sociale si è inserita nel nostro paesaggio, sconvolgendone l’aspetto e cospargendolo di brutture. Il simbolo per eccellenza di questo scempio urbanistico è il grattacielo dei quartieri-dormitorio, una cattedrale nel deserto completamente avulsa dal contesto, verso la quale non possiamo che provare un senso di vergogna, astio e risentimento.
Esemplare, in tal senso, è la serie fotografica Working in a State of Emergency (2007), che narra le vicende urbanistiche di un quartiere popolare nei pressi di Glasgow costruito negli anni Sessanta, le cui torri sono state via via fatte saltare e demolite, dopo averle evacuate e aver condotto sulle strutture prove di incendio, resistenza al fuoco e alle esplosioni. Sullo stesso tema l’installazione Color like no other (che prende il titolo da uno slogan della Sony, che ha usato un grattacielo popolare nella scozzese Toryglen per uno spot televisivo, prima della sua distruzione) e il video The Butcher of Dalmarnock.
Ma se la demolizione di questi obbrobri viene accolta con entusiasmo dai cittadini, come se con essi svanissero le frustrazioni o il sentimento di ingiustizia sociale represso in coloro che vi erano segregati, qual’è il vero risultato di questi abbattimenti? Quale l’insegnamento che ne deriva, quali le soluzioni e le alternative?
La natura violentata, il paesaggio offeso, il senso del romantico e del sublime sono invece al centro di un altro gruppo di lavori come la serie video Real Remnants of Fictive Wars e The New Picturesque. In quest’ultima Gaillard ha semplicemente ‘sottratto’ da classiche cartoline di castelli ciò che vi era di più pittoresco con un gesto minimale, mentre in Real Remnants of Fictive Wars i paesaggi scelti dall’artista sono avvolti da un candido fumo prodotto da silenti esplosioni. Armato di estintori, Gaillard reinterpreta così la lezione dei pionieri della Land Art.

CARTELLA STAMPA scaricabile da
http://www.papesse.org/cartellestampa/CyprienGaillard.zip

ORE 21.00

sms santa maria della scala
Il “Quintetto a fiati dei Berliner Philarmoniker” in concerto
13.12.08 ore 21.00 prenotazione consigliata

sms santa maria della scala è felice di ospitare, in occasione della giornata speciale del 13 dicembre che vedrà l’opening delle mostre di sms museo d’arte per bambini e sms contemporanea, un imperdibile concerto del quintetto a fiati dei Berliner Philarmoniker.

Il Philarmonisches Bläserquintett Berlin fu fondato nel 1988; il primo quintetto per fiati permanente ad essere istituito nella fertile tradizione della musica da camera della Orchestra Filarmonica di Berlino.
Il notevole successo del debutto berlinese del complesso, lo ha portato a frequenti e regolari concerti in quella città, in Germania e in tutta l’Europa, e, contemporaneamente, alla partecipazione in programmi radio televisivi. Le loro tourneè hanno toccato il Giappone, gli Stati Uniti, il Nord e il Sudamerica, Israele ed ha partecipato al Festival di Berlino, alla Biennale di Marsiglia e al Festival di Salisburgo.
Il loro vasto repertorio spazia non solo sull’intero spettro della letteratura per quintetto, dal classico all’avanguardia, ma anche su lavori per ensemble allargati, come per esempio, i sestetti di Janàcek, Poulenc e Reinecke ed i sestetti di Hindemith e Koechlin.
Le incisioni discografiche del Quintetto, con la svedese BIS, hanno suscitato vivo interesse in tutto il mondo. L’uscita dell’incisione dell’opera completa dei quintetti per fiati e pianoforte di Franz Danzi, ha incontrato il favore di critici internazionali mentre “Printemps”, una selezione di musica francese per fiati, include l’incisione in prima assoluta del sestetto di Charles Koechlin e del sestetto di Henri Tomasi, Printemps. Prossimamente uscirà un disco di musica per fiati del repertorio romantico.