Ricreazione! 2009

Ricreazione! 2009
Di e Con
Federica Festa

Supervisione di Rocco Ciarmoli
Voce preside di Eugenio Masciari

Dal 17 febbraio al 15 marzo 2009
Ore 21,30 domenica ore 18

Con questo spettacolo Federica Festa ha vinto come migliore attrice emergente il premio “Vittorio Mezzogiorno”
(assegnato prima di lei ad Ascanio Celestini e Davide Enia)

Il ritorno della Professoressa Spinelli al Teatro dell’Orologio rappresenta
per i Romani un’ottima occasione per non privarsi di un divertimento garbato e intelligente. Al quarto anno di repliche e proroghe, lo spettacolo non ha perso il suo smalto né la sua freschezza. Piccoli aggiustamenti e attualizzazioni impreziosiscono ogni anno questo felice quadretto della scuola italiana. Federica Festa, oltre che attrice, è anche regista e autrice della esilarante pièce che vede come protagonista una professoressa di lettere dai modi antiquati e dall’interrogazione facile. Divertimento riservato a pochi
spettatori a sera (tanti quanti ne entrano nell’aula di scuola ricostruita
nella sala più piccola del teatro), lo spettacolo permette un’interazione
tra pubblico e attrice che riserva a ogni replica piacevoli sorprese e
originalissimi imprevisti. Forse all’inizio risulta un po’ imbarazzante
tornare sui banchi di scuola, ma alla fine, di certo, non è così facile
alzarsi e uscire dalla terza B…alla professoressa Spinelli si finisce per
affezionarsi per davvero.

“La professoressa Festa-Spinelli mette tutti al proprio posto e lo fa con
un’ironia garbata ed elegante. La sua comicità è così autentica da
sconfinare ogni tanto in un riso dal gusto un poco amaro, dovuto a una
riflessione attenta su una scuola che giorno dopo giorno testimonia la sua
crisi, attraverso il disagio sociale del precariato. E in questa condizione di
precarietà in cui si trovano insegnanti, giovani, ideali e perfino le mura
delle aule una sana ricreazione diventa il miraggio di una nuova scuola.
Consigliato ai professori, quelli veri, ai genitori, agli alunni.”

Tiberia de Matteis, Il Tempo

“Il talento indiscusso di Federica, la sua comunicativa, la capacità di far
ridere trattando un tema attuale e scottante. Il fatto che il suo é uno
spettacolo “piccolo”, fatto con pochi mezzi, ma che a maggior ragione é la
prova che il teatro fatto con passione e amore, e la recitazione in generale,
non hanno bisogno di molti orpelli, né di grandi mezzi.
Anche attraverso poche cose, si può emozionare e far ridere, con le sole doti
dell’attore”

Giovanna Mezzogiorno, Attrice