Narrazioni Libera Tutti

narrazioni

A Poggibonsi (provincia di Siena) il 14 e 15 giugno, andrà in scena il festival “Narrazioni Libera Tutti” che, giunto alla sua ottava edizione, si muoverà tra le strade del centro storico  e avrà tra le sue ambizioni quella di far emergere, con forza, la tematica dei diritti.

Diritti civili, diritti per tutti, diritti da garantire e diritti offesi. Diritto alla memoria, diritto alla dignità umana, diritto al futuro per le giovani generazioni…

Si parte venerdì 14 giugno alle 17 con l’inaugurazione di due mostre inedite. Due giovani artisti Emiliano Cremaschi e Linda Dorigo che ormai da anni si confrontano attraverso la fotografia con le tematiche sociali legate ai conflitti. Una città sommersa di spazzatura dove la comunità cristiana  copta del Cairo, gli “Zebelin”, sopravvive differenziando i rifiuti; è quanto ci racconta con i suoi scatti Emanuele Cremaschi. Il diritto alla cittadinanza delle donne libanesi è invece il tema di “women under siege”, la mostra di Linda Dorigo.

A seguire alle 17:30, un dibattito sul tema sempre caldo e contraddittorio della condizione carceraria in Italia. Protagonisti del dibattito: Marco Pannella “leader Partito Radicale Trasnazionale”, Rita Bernardini “membro direzione di Radicali Italiani” dei radicali italiani e Alessandro Margara garante regionale dei diritti dei carcerati. Insieme a loro Giuseppe Gulotta che dopo aver trascorso ventidue anni ingiustamente in carcere ha raccontato la sua vita in “Alkamar”, edito da Chiarelettere, un libro che racconta una delle storie  più incredibili di malagiustizia in Italia.

Alle 19:00 il diritto all’amore prenderà corpo con “Follie di amorosi sensi” spettacolo in cui la compagnia il Rinoceronte mette in scena alcune tra le più celebri scene d’amore di William Shakepeare attraverso incursioni nell’eterno incontro (e scontro) tra maschile e femminile.

Alle 21:00 un’esclusiva nazionale: “NessunEscluso“.L’attore ed interprete Giammarco Busetto insieme al polistrumentista Cabeki, daranno vita ad una serie di lettura in musica, una riflessione sui diritti non ancora acquisiti, sulle minoranze non ancora riconosciute che partendo dalle parole di Oscar Wilde metteranno il dito sulle ferite ancora aperte della nostra società.

Alle 22:15 un altro attesissimo evento, uno sguardo al tema dell’omofobia e del femminicidio attraverso uno spettacolo che sta riscuotendo grandissimo successo in tutta Italia.

Francesca Romana sarà protagonista in: “Ex moglie si innamora (da morire) di ex moglie” di Betta Cianchini, regia di Laura Jacobbi. E’ la storia di una donna infelicemente sposata che scopre di essere felicemente  un’altra donna.

Chiuderà la prima serata di Narrazioni il reading di Francesco Targhetta tratto da: “Perciò veniamo bene nelle fotografie” (ISBN editore). “Non si muove nessuno, qua, perciò veniamo bene nelle fotografie”: è una delle tante immagini, geniali e disarmanti, con cui il protagonista coglie il senso di sé e dei suoi coinquilini – universitari, operatori di call center, neo manager di multinazionali.

Sabato 15 la seconda giornata di Narrazioni che all’interno della stagione estiva di Poggibonsi, Piazze d’Armi e di Città, prenderà corpo sempre nel centro storico di Poggibonsi e sempre incentrando gli eventi sulla tematica dei diritti declinata in tutte le forme possibili.

Si parte alle 17:30 con una tavola rotonda sul dialogo interconfessionale e sulla presenza islamica in Italia. Daranno vita al dibattito Luca Bauccio, fondatore di Youreporter e che si occupa di diritto penale e di diritto dell’informazione. Bauccio rappresenta come parte civile la moglie di Abu Omar nel processo contro i suoi sequestratori e difende leader politici che in varie parti del mondo si oppongono ai tiranni. A Poggibonsi verranno proiettati alcune parti del suo “Al Qaeda! Al Qaeda!”, docu-film sulla diffamazione vista dalla parte delle vittime (la proiezione integrale alle 22.30 presso la Sal Set del teatro Politeama). A dialogare con Bauccio ci sarà Franco Cardini storico e saggista, intellettuale di riferimento nel panorama culturale italiano e un rappresentante dell’Ucoii, la più grande associazione islamica in Italia. All’interno del dibattito verrà inoltre proiettata un’intervista ad Abu Omar realizzata ad Alessandria d’Egitto.

Nel tardo pomeriggio dalle 19:00 il diritto alla memoria sarà trattato attraverso la presentazione di Decameron 2013(Felici editore), curato da Marco Vichi e che vedrà la partecipazione di Leonardo Gori e Gianmarco D’Agostino “Un volume – come descrive Felici editore – rivolto a tutti coloro che vorrebbero comprendere il presente (devastato dalla Grande Crisi) così come il Decameron boccaccesco fornisce un’immagine fedele della società trecentesca (logorata dalla Grande Peste)”.

A seguire, il tema dell’ecologia e del risparmio e del diritto al futuro sarà trattato da Giulia Landini attraverso il suo libro “Ecologia del risparmio”. Come applicare nel concreto le teorie della “decrescita felice” e del movimento di Transizione e trasferirle all’ambito ridotto delle nostre case e delle nostre vite? La ricetta di Giulia Landini consta di sette ingredienti che non possono mancare nel bagaglio del nuovo ecologista: aceto, bicarbonato, acido citrico, limone, pasta madre, connessione Internet, scarpe da ginnastica.

Alle 21:00 ci sarà un ospite a sorpresa che verrà annunciato solo pochi giorni prima del festival, e  animerà la prima serata del sabato.

Alle 22:15 all’interno della sezione la scuola che voglio, verrà trattato il tema del diritto all’apprendimento con un’esclusiva nazionale “FIOI”. Uno spettacolo di teatro e musica animato da una straordinaria band i Regina Mab.

Note e parole a chiudere questa ottava edizione di Narrazioni Festival che quest’anno si pregia del patrocinio del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali. In un momento di crisi protratta che ha spinto alcuni ad impegnarsi in più dimensione sociale ed altri a chiudersi in se stessi diventa fondamentale riflettere insieme, supportati da varie forme espressive e da storie che facciano da stimolo, sulla necessità di riaffermare alcuni diritti fondamentali. Per questo Narrazioni quest’anno ha deciso di affrontare in maniera ambiziosa il tema dei diritti attraverso le storie, i racconti espressi in qualsiasi forma e la libertà.

Per ulteriori informazioni visitate il sito http://www.narrazioni.it/