Italia, mostre d’arte ed eventi culturali: crescita d’interesse

culturaLe mostre d’arte e gli eventi culturali in Italia sembrano avere un seguito più ampio rispetto al passato. Questa confortante crescita dell’interesse collettivo per le innumerevoli testimonianze artistiche, letterarie, teatrali, ecc. nate nel nostro paese sembra non subire più nemmeno gli effetti negativi della crisi. Dal 2010 ad oggi, dopo un breve periodo di flessione, il denaro annualmente investito dagli italiani nell’acquisto di libri, biglietti teatrali e cedole d’ingresso a mostre d’arte, ha raggiunto delle percentuali pari a circa il 26% in più rispetto agli anni immediatamente precedenti.

Non è un caso che proprio in questo lasso di tempo gli enti competenti abbiano inaugurato e/o progettato innumerevoli mostre d’arte o eventi culturali anche di una certa rilevanza, non è una scelta fuori dalle nuove logiche del mercato quella di vari musei che hanno notevolmente incrementato il numero di notti bianche o ridotto considerevolmente i costi del biglietto d’ingresso.

Ad invogliare anche le nuove generazioni a conoscere i segreti della nostra cultura hanno forse contribuito i nuovi ritrovati della tecnologia: sempre più luoghi espositivi e scavi archeologici sono stati dotati infatti negli ultimi anni di postazioni virtuali in grado di simulare delle realtà ormai passate, di speciali occhiali capaci di “vivificare” i personaggi ritratti nei quadri dei maestri della pittura, ecc.

Sarà che, come recitava un vecchio adagio, il popolo italiano è in larga parte composto da Santi, naviganti e artisti, sarà che anche volendo nel nostro paese non è possibile disinteressarsi totalmente alla cultura e alle sue tante manifestazioni, ma finalmente il nostro passato mostra di essere tenuto in considerazione.