Che aspetto ha l’uomo contemporaneo? Qual è il suo volto? L’artista napoletano Achille Cevoli non ha dubbi: è l’operaio. Il suo volto e il suo corpo sono gli ultimi baluardi di resistenza alla dilagante cultura della globalità che vuole gli individui tutti uguali, plastificati in un’eterna e fasulla gioventù, in canoni estetici e valori forzatamente universali. Solo “l’operaio” vi sfugge, rappresentando per mezzo della propria fisicità l’ultimo frammento di reale.
Attraverso i ritratti degli operai che lavorano alla costruzione delle “Stazioni dell’arte” della Linea 1 della Metropolitana di Napoli Il volto/La verità, personale di Cevoli a cura di Luigi Paolo Finizio in mostra nella galleria “La Mediterranea Arte” di Napoli.