Faster, Pussycat! Kill! Kill!: possibile remake di un capolavoro discusso

Faster, Pussycat! Kill! Kill! è un cult movie del 1965 diretto da Russ Meyer. La storia delle tre spogliarelliste che, viaggiando nel deserto, coinvolgono una serie di personaggi in una spirale di sesso e violenza, all’inizio si rivelò un flop.  Solo negli anni successivi il film fu riscoperto dalle femministe e diventò un prodotto mitico ed idolatrato dagli amanti del genere.

Faster, Pussycat! Kill! Kill! è una delle pietre miliari del genere d’exploitation, che vede messe in secondo piano valenze artistiche in favore di contenuti più forti, ed in particolare sesso, sangue e violenza: generalmente l’attenzione dei produttori è mirata soprattutto al guadagno, realizzato tramite gli aspetti sensazionali e “proibiti” del prodotto.

Tra gli estimatori contemporanei del genere d’exploitation spicca il nome di Quentin Tarantino, che non a caso ha persino intitolato Grindhouse uno dei suoi film – le Grindhouse erano quei cinema che negli anni Sessanta e Settanta presentavano film d’exploitation.  L’influenza del cinema d’exploitation è peraltro ravvisabile anche negli altri film di Tarantino, specialmente ne Le Iene e Kill Bill; nei suoi film l’ispirazione generale si accompagna a citazioni esplicite dei classici del genere. Già da alcuni mesi circola la voce che Quentin Tarantino stia lavorando ad un remake di Faster, Pussycat! Kill! Kill!, progetto già peraltro considerato dallo stesso Meyer e mai andato in porto.

Le voci sul remake sono state accompagnate da rumors circa i nomi delle interpreti: uno dei primi gossip in tal senso aveva riguardato Britney Spears, che pare fosse stata selezionata per interpretare una delle tre protagoniste (Varla, Rosie e Billie interpretate nel film del 1965 rispettivamente da Tura Satana, Haji e Lori Williams). Ora pare che i panni di Varla saranno vestiti dalla pornostar Tera Patrick, considerata dal regista la scelta più vicina all’originale Tura Satana, attrice molto amata da Tarantino (di lei ha detto: Darei cinque anni della mia vita per lavorare con lei e a lei si è ispirato per il personaggio della Sposa in Kill Bill).

Citazioni tarantiniane di Faster, Pussycat! Kill! Kill! compaiono anche in Grindhouse. A prova di morte, dove Shanna, una delle ragazze del primo episodio, indossa una maglietta raffigurante Varla; il finale di Grindhouse ricorda poi i combattimenti delle ragazze in Faster, Pussycat! Kill! Kill!.

Faster, Pussycat! Kill! Kill! ha influenzato anche il mondo musicale, dando il nome alla band sleaze/glam metal dei Faster Pussycat e ispirando il video delle Spice Girls Say You’ll Be There. La canzone ¡Viva Satana! dei Babasónicos si riferisce a Tura Satana e al suo ruolo nel film. The Cramps hanno inserito una cover del tema del film nel loro album Smell of Female. Tura Satana ha dato il nome a una banda metal e a una canzone della band australiana Ratcat. La vita di questa attrice e danzatrice, a dir poco incredibile si può leggere su Wikipedia.

C’è da scommettere che un remake di Faster, Pussycat! Kill! Kill! dividerà il pubblico tra i numerosi ammiratori dell’originale e i fan di Tarantino ansiosi di rivederlo all’opera con un soggetto di tanto spessore.

Laura Losi