8 MARZO – FESTA DELLA DONNA: La donna nell’arte

Giovedì 8 marzo tutte le donne potranno accedere gratuitamente ai luoghi d’arte statali, ove saranno organizzati eventi, mostre, visite guidate, concerti e dibattiti intorno all’eterno femminino, curati ed allestiti dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali in collaborazione con gli Istituti aderenti all’iniziativa.

Per la prima volta il MiBAC, in occasione dell’Anno Europeo delle pari opportunità per tutti, e all’insegna della non discriminazione e della promozione dell’uguaglianza partecipa giovedì 8 marzo 2007 alla Festa della donna  con la manifestazione nazionale La donna nell’arte.

Â

Tra gli eventi organizzati per questa occasione segnaliamo i molteplici appuntamenti ispirati alle maggiori artiste contemporanee e del passato, come le visite guidate che si terranno presso il Museo di Palazzo Reale di Genova alla scoperta delle protagoniste di tre capolavori della collezione: Caterina Balbi Durazzo, nel ritratto di Antonio Van Dyck, Venere, nella scultura di Filippo Parodi e Sant’Agnese, nella quattrocentesca tavola fiamminga; la mostra che la Biblioteca Universitaria di Bologna dedica ad una sua impiegata di particolare valore con Rita: La “Virginità Trionfante” e la presenza femminile nei fondi della Biblioteca Universitaria di Bologna; l’incontro con l’artista Mirella Bentivoglio che si terrà a Roma presso la Sala della Crociera, unitamente all’esposizione di alcune opere e pubblicazioni della stessa posseduta dalla Biblioteca; o, ancora, le iniziative inserite nel mese di celebrazione della “Festa delle Bambine” che il Museo di Arte Orientale Chiassone di Genova ed il Museo Nazionale Preistorico Etnografico Pigorini di Roma riservano, rispettivamente, alla conferenza Donne e femminilità nell’Arte giapponese ed alla mostra Hina-Matsuri. La festa delle bambine.

Â

Ulteriori iniziative si propongono la ricostruzione – attraverso opere d’arte, giornali e periodici d’epoca, fonti letterarie ed archeologiche, documenti d’archivio, fotografie e ritratti – dei diversi ruoli e della mutevole condizione femminile nelle varie epoche e nelle diverse regioni: è il caso della mostra La lunga marcia della cittadinanza femminile allestita presso l’Archivio di Stato di Roma; dell’esposizione che la Biblioteca Nazionale di Bari dedica all’Essere donna in Puglia; delle visite guidate alla scoperta del culto di Cibele in La Magna Mater ad Ostia Antica: storia di una dea presso gli scavi di Ostia Antica (RM) o delle vicende di un’emancipata sacerdotessa del culto imperiale con Donne che danno: il testamento di Cetrania Severina allestita presso il Museo Archeologico di Sarsina (FO); della conferenza Titinia e le altre. Ruoli pubblici e privati della donna nella società lunense che si terrà a Ortonovo Luni – La Spezia Museo Archeologico Nazionale di Luni ed Area Archeologica.

Â

Di particolare interesse, infine, quelle mostre che intendono presentare la figura femminile così come ci è restituita da documenti pubblici e privati conservati presso Archivi e Biblioteche, e che, attraverso le tematiche affrontate contribuiscono all’innalzamento del livello di conoscenza culturale della condizione della donna nel corso dei secoli portando alla ribalta il tema, attualissimo, delle pari opportunità . Si inseriscono in tale filone le iniziative che si terranno presso l’Archivio di Stato di Pistoia e l’Archivio di Stato di Caserta; la mostra documentaria Dal baule di Giovanna alle pari opportunità , a cura dell’Archivio di Stato di Trieste e quella dedicata a La presenza femminile nelle carte d’Archivio allestita dalla Sezione Archivio di Stato di Castrovillari (CS); il contributo sulla condizione femminile offerto dall’Archivio di Stato di Vibo Valentia con Essere Donna. Ieri e oggi e la particolare rassegna plurisensoriale Un infuso di benessere con due cucchiaini di arte e fiaba in mostra presso il Museo Tattile Statale Omero di Ancona.

Â

Tutte le iniziative sono pubblicate sul sito istituzionale del Ministero

www.beniculturali.it

numero verde: 800 99 11 99

Ufficio Stampa – MiBAC

tel. 066723.2261 .2262